Maratea e i Marateoti

di Biagio Calderano

 

Home Page 

Storia e Storie

Storia in pillole

Fotografie

Marateoti

San Biagio

Varie

Bocairent

FOTO di

MARATEOTI

 

Prima Selezione

Seconda Selezione

Terza Selezione

Quarta Selezione

Programma DC 1960

AMEDEO

Giuseppe e Tiziana

La Prima Comunione

Pierino e Teresa 25 anni insieme

San Biagio a Vignanello (Viterbo)

Comizi

Upel

 

 

 

Descrizione di Maratea

di Carmine Iannini (1835)

(...)è la Bocca della Colla, così detta. Da ivi si scuopre Maratea. Ivi giunto restai come attonito, alla vista che mi si presentò della Città, in Faccia al Mare, di un estesissimo Orizzonte. La strada continuava ad essere disastrosa, ma alla pur fine pervenni dentro di essa, e nella Piazza maggiore. Allora crebbe, ed in modo inesplicabile la mia maraviglia, poiché mi ravvisai, senza poterlo nemmeno supporre in mezzo di tanti Gentil’Uomini, spirantino affabiltà, pe’ dolci tratti, e maniere Civili: a tanti Artisti, pronti anche affabilmente a compiacermi in tuttocciò che chiedeva: ed a tanti della Plebe, tutt’intenti, ed ubbidienti in servirmi. Io, che per pervenirvi, aveva dovuto transitare per gli altri Paesi, dai Naturali de’ quali non era stato nemmeno guardato in faccia; non potei fare ammeno di non conchiudere, d’essere uscito da tra le Belve, ed essere arrivato in mezzo agli Uomini».     (...) tutte le Persone Civili della Provincia, in tempo di està, prescegliono Maratea per l’uso de’ Bagni, e portandovisi da diversi Paesi, e sin’anche da Potenza, quando vi arrivano, non si sazian di continuamente ripetere: sia benedetto Dio: siamo già arrivati in Maratea: e quando se ne partono, versando lagrime dagli occhi, non si stancano parimenti di replicare: siam costretti a lasciarti, o bella Maratea.

   

Kalos terza edizione

  

invia le tue osservazioni a

biagio@calderano.it

Biagio Calderano

Via Piedi li Cirasi 7

85046 Maratea (Italy)

+39 339 1274109

 ultima modifica 09/10/2010