PRIMO CENTENARIO DEL GOVERNO NITTI

 di Emanuele Labanchi

In ricordo dello statista lucano

Lo scorso 15 novembre a Roma, a cura della Fondazione Nitti e con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, sono stati presentati il docufilm di Rai Storia “Francesco Saverio Nitti – L’ottimismo dell’agire” e il programma degli eventi previsti per il prossimo anno in occasione del centenario del Governo dello statista lucano. Il percorso celebrativo Ź stato annunciato dal Comitato, presieduto da Giuliano Amato, e presentato da Stefano Rolando, Presidente della Fondazione.

Erano presenti anche Flavia Franconi, vicepresidente della Regione Basilicata, Luigi Valvano, Sindaco di Melfi, la Rettrice dell’Universitą di Basilicata e il Ministro Paolo Savona, il quale ha affermato che Nitti Ź noto "principalmente per il suo impegno a favore del Mezzogiorno e per aver promosso importanti iniziative per il sostegno dello sviluppo italiano; meno, anche se non assente nella pubblicistica, lo Ź per il contributo altrettanto rilevante dato alla diffusione dell'idea di un'Europa unita".

Si Ź notata l’assenza del Comune di Maratea.

Francesco Saverio Nitti, economista, saggista, politico, antifascista, membro dell’Assemblea costituente, era nato a Melfi (PZ) e, gią Ministro, fu Presidente del Consiglio dei Ministri dal 23 giugno 1919 al 21 maggio 1920 e poi dal 22 maggio 1920 al 10 giugno 1920.

Sarą bene che anche nella sua e nostra Regione (in particolare a Melfi, cittą di nascita, ed a Maratea, dove dimorė a lungo nella villa ad Acquafredda, oggi di proprietą regionale) la sua figura di statista ed il suo impegno politico siano degnamente ricordati.

Di particolare valore storico Ź la fotografia che ritrae Francesco Saverio Nitti con i giovani di Maratea, da sinistra Enzo Scoppetta, Domenico D’Alitto, Severino Labanchi, Domingo Limongi e Francesco Fontana.

Indice