Gente mia

 

Gente

               dalla faccia scavata,

come l’arida terra

cui – da sempre

cerca strappar povere messi,

                dalle mani callose,

rozze e nodose

come i vegliardi ulivi radicati

ai declivi assolati.

 

 

Gente mia,

                      dal viso crucciato

da ancestrali tormenti, da rinunce…

consumata da febbre di riscatto:

                       buona, ospitale,

                       semplice, sincera,

ma indomita e fiera.

 

 

Gente Lucana,

                         operosa ed onesta,

                         ancora sana

… mentre tutto degrada!

                Indice