ALTRO CHE ITALEXIT…!

 di Emanuele Labanchi

 

DIFENDIAMO E RAFFORZIAMO INSIEME

L'UNIONE EUROPEA,

Le cui radici risalgono all'indomani della seconda guerra mondiale, quando l'Europa era in rovina e l'ex primo ministro britannico Winston Churchill le rivolse invito a dimenticare i mali del nazionalismo e della guerra e propose la creazione di "qualcosa tipo gli Stati Uniti di Europa".

L'Italia, sin dal primo momento, fece sua l'idea ed aderď al progetto, che portė alla nascita della Comunitą economica europea (CEE) o "Mercato comune" con il Trattato di Roma del 1957.

Da allora l'Italia Ź stata protagonista della costruzione della casa comune europea in un lungo periodo di pace, di concordia e di crescita socio-economica nei Paesi che ne hanno fatto e ne fanno parte.

Ora un recente Movimento (Italia Libera), con qualche noto personaggio (Vittorio Sgarbi ed altri), dopo la Brexit (uscita del Regno Unito dall'Unione europea) propone l'Italexit ed intende pervenire ad un referendum popolare che porti anche il nostro Paese ad abbandonare l'Unione europea.

Dispiace che, peraltro in un momento di crisi mondiale dovuta alla grave epidemia-pandemia da Covid-19, ci siano persone che pensino e vogliano tutto questo, pronte a remare apertamente contro, magari con il sostegno di Forze politiche conservatrici e fautrici di nazionalismo e sovranismo, che hanno fatto il loro tempo.

Ricordiamo il motto dell’Unione europea “Unitą nella diversitą” e ci sia di insegnamento il riferimento del nostro Presidente della Repubblica alla:

“solidarietą presente nei principi della nostra Costituzione e nei Trattati dell’Unione europea, come collante dello stare insieme in una casa comune che guarda oltre i suoi confini”.

Indice