LA LUNA …SENZA PASSAPORTO

di Emanuele Labanchi

Una filastrocca di Gianni Rodari, “LA LUNA DI KIEV”, pubblicata piĚ di 60 anni fa all’interno della raccolta “In Cielo e in terra”, rivela in questi giorni tutta la sua modernitą a bambini e…adulti, quasi a voler ricordare a tutti che siamo sotto lo stesso cielo con appello alla solidarietą ed all’unione tra gli uomini in ogni parte del mondo, dove la luna Ź sempre la stessa.

La guerra, purtroppo presente in varie parti della nostra terra, all’improvviso Ź ricomparsa in Europa, nella vicina Ucraina, con le sue tragiche, ben note conseguenze di distruzione e morte, mentre “LA LUNA DI KIEV”, di Maratea e del mondo intero, protestando, ci ripete il suo messaggio di pace:

 

“Chissą se la luna

di Kiev

Ź bella

come la luna di Roma,

chissą se Ź la stessa

o soltanto sua sorella…

 

Ma son sempre quella!

– la luna protesta –

non sono mica

un berretto da notte

sulla tua testa!

Viaggiando quassĚ

faccio lume a tutti quanti,

dall’India al PerĚ,

dal Tevere al Mar Morto,

e i miei raggi viaggiano

senza passaporto.”

-Gianni Rodari-

 

 

Maratea 13 marzo 2022

Emanuele Labanchi

 

INDICE