NEL ROMANZO DI TONINO ARENELLA

 

UNA DONNA DEL NOVECENTO

 di Emanuele Labanchi

L'Autore, nato a Tramutola (PZ), marateota di adozione, noto e stimato Medico chirurgo, persona semplice e schiva, dal carattere mite, ha gił pubblicato due raccolte di poesie e tre romanzi.

Ieri sera Ć stato presentato, nel giardino di Villa Tarantini, il suo quarto romanzo come da programma "La Rassegna dei Libri - Maratea d'estate - 2022, a cura del Centro culturale "JosĆ Mario Cernicchiaro" e del Comune di Maratea.

Sono intervenuti, dopo i saluti della Prof.ssa Tina Polisciano, Presidente del Centro, il Sindaco, Avv. Daniele Stoppelli, e l'Ins. Salvatore Lovoi, Direttore del periodico lucano "Il Sirino".

Alla presenza di un folto ed attento pubblico, Tonino Arenella, con la semplicitł e la pacatezza che gli sono congeniali, dopo i saluti ed i ringraziamenti di rito, ha esposto l'input che ha costituito la motivazione alla base del romanzo.

Colpito da un manifesto funebre affisso a Maratea: "Si Ć spenta serenamente all'etł di... Nicolita Serbłn...." e dal nome e cognome riferibile ad una donna con sue origini non marateote e magari lontane dalla nostra realtł, l'Autore ha dato, immaginandola, nuova vita alla sconosciuta Nicolita, divenuta personaggio del suo romanzo "Capoverso sbagliato".

Ecco, allora, rinascere Nicolita in un piccolo borgo del Veneto agli inizi del Novecento per poi trasferirsi, per amore, al sud....., attraversando il "secolo breve" sostenuta dalla sua tenacia.

E' un romanzo, il cui "incipit" Ć gił di per sÄ segnale di spiccate doti di umanitł e sensibilitł del suo Autore, che traspaiono poi in tutte le pagine del libro sino a quelle finali╔ con il pensiero rivolto al...capoverso sbagliato.

 

Maratea 22 luglio 2022

Emanuele Labanchi

 

 

INDICE