Strada statale 18 a Castrocucco di Maratea

UNA RIAPERTURA PARZIALE E TEMPORANEA

 di Emanuele Labanchi

Chiusa al traffico dopo la grave frana del 30 novembre scorso, se ne prevede ormai a giorni la provvisoria riapertura, a senso unico alternato e solo fino al 30 settembre per favorire cosď le esigenze legate al turismo nel periodo di sua massima espansione, con possibilitą di fruizione, senza alcuna interruzione, di una importante e bella strada panoramica lungo la costa tirrenica lucana.

Non Ź cosa da poco dopo i tanti mesi di stop con conseguenti danni per l’economia locale e notevoli disagi per la collettivitą, che ora, comunque, si interroga sul breve periodo di riapertura al traffico e sul tempo ancora necessario per il prosieguo dei lavori previsti per una maggiore e piĚ duratura messa in sicurezza dell’intero costone a monte ed a valle della strada.

Si Ź ben consapevoli che la soluzione definitiva non potrą che essere una idonea galleria, come del resto si sta gią facendo sulla stessa ss. 18 tra Acquafredda e Sapri con lavori che si protrarranno per alcuni anni, ma nel frattempo occorrerą garantire la massima sicurezza sotto quel che resta dell’antico Castello di Castrocucco, nella parte in cui si trova la strada e fino alla sottostante spiaggia.

Sembra che per il momento basti quanto in tal senso Ź stato fatto in loco anche con predisposizione di “sensori satellitari” per monitorare la situazione, ma il breve periodo di riapertura, peraltro a senso unico alternato, lascia pensare a provvisorietą e al persistere ancora di una certa precarietą nell’area interessata dalla frana, che cancellė 150/200 metri di strada anche con massi arrivati nella sottostante spiaggia, per fortuna o miracolo, senza vittime né feriti.

La ferita lungo il costone interessato dalla frana rimane, invece, ancora ben visibile come da fotografie in www.calderano.it - Riapre la strada per Castrocucco? - 11 luglio 2023.

 

Maratea 12 luglio 2023

Emanuele Labanchi

  

  

 

INDICE