EVENTO STRAORDINARIO A CALA JANNITA DI MARATEA

 di Emanuele Labanchi

Nella notte tra venerdď e sabato scorsi, previa schiusa di uova del primo dei tre nidi, sono nate e si sono subito dirette verso il mare che, calmo le aspettava, 49 tartarughine caretta caretta, seguite da altre nelle notti successive.

Lo straordinario evento era atteso ed il nido ha avuto costante vigilanza h24 da parte del Circolo Legambiente di Maratea con il suo Presidente, Giuseppe Ricciardi, coadiuvato da Raffaella Di Santo ed altri volenterosi associati, che continuano a monitorare la spiaggia e seguire gli sviluppi del caso in armonia con il WWF.

Sono attese altre nascite e ulteriore schiusa anche per settembre relativa ai nidi rimanenti, gli unici registrati quest'anno nella nostra Regione e precisamente sulla sua costa tirrenica, con privilegio per la splendida Cala Jannita, conosciuta come la “spiaggia nera”.

Particolare e significativa circostanza sembra avere la concentrazione di tali nidi (ben tre) lungo la costa di Maratea su un’unica spiaggia, peraltro molto frequentata in questi mesi, pur in presenza di altre possibili opzioni per la nidificazione in altre aree sabbiose anche con minor disturbo.

-      Da https://www.wwf.it/specie-e-habitat/specie/tartaruga-marina/ -

“La tartaruga marina comune (Caretta caretta) Ź la specie piĚ diffusa nel Mediterraneo, ma sono presenti anche altre specie, tra cui, la tartaruga verde (Chelonia mydas) e, sebbene piĚ rara, la tartaruga liuto (Dermochelys coriacea). In totale si contano sette specie di tartarughe marine distribuite nella fascia tropicale e temperata dei mari del mondo e sono tutte a rischio di estinzione, minacciate dalla cattura accidentale, degradazione dell’habitat, disturbo antropico e dai cambiamenti climatici”.

Anche le tartarughe caretta caretta sono, dunque, a rischio di estinzione e lo straordinario evento di questi giorni a Maratea e in tante altre localitą in Italia e nel Mediterraneo, non puė che essere interpretato come un condiviso, forte e buon auspicio per il loro futuro.

 

Maratea 15 agosto 2023

Emanuele Labanchi

 

 INDICE