Via Ondavo,32 – 85046 Maratea (PZ) Tel. Fax.: 0973-876548

Codice Fiscale: 91005240766 Unipelma@gmail.com

Comunicato Stampa

Maratea tra Francesco Saverio Nitti e l’UNESCO

Valerio Mignone Vincenzo Labanca Emanuele Labanchi*

La Universitą Popolare dell’Etą Libera (UPEL) di Maratea Trecchina prende atto con soddisfazione del buon esito del convegno organizzato dalla Fondazione “Francesco Saverio Nitti” nella omonima villa in Maratea sul tema “Umanesimo digitale” per “Accorciare le distanze tra Sud e Nord”. Sono stati trattati temi noti della “Questione meridionale” invocando un nuovo “Umanesimo”, nella prospettiva della sua possibile soluzione ai sensi della Legge sul “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” del settembre 2020. L’Umanesimo sociale si andrą realizzando man mano che si attenuerą la povertą, permettendo agli scolari poveri di aver un computer per la eventuale didattica a distanza, e per sani rapporti sul Web. 

Per quanto riguarda Maratea, essa, unica nella sua natura, non ha paragoni! Men che mai con localitą lacustri, sedi di convegni di imprenditori. La Maratea “vera” Ź “altro!” E’ riscontrabile nelle antiche tradizioni balneari dei suoi operatori che, con modestia, intelligenza e libertą di spirito, si sono sempre aggiornati rispettando l’ambiente, e hanno accolto, e accolgono i villeggianti - oggi, come ieri - con signorilitą esemplare. La forma delle antiche cabine in legno, annualmente rimosse, ripulite, ammodernate, a poca distanza dalla battigia costituiscono un marchio indimenticabile! Tra l’altro, lo stile di vita dei Marateoti ha consentito anche alla flora e alla fauna del mare di vivere e rigenerarsi con le caratteristiche che ne hanno consentito la istituzione del Parco marino, nelle cui acque si rispecchia la Macchia mediterranea con pini, abeti, querce, lecci. Maratea Ź attrattiva per tutto ciė! Ed oggi lo Ź ancora di piĚ, grazie alla “transumanza balneare” tra il Tirreno di Maratea e lo Jonio del Metapontino, per il servizio automobilistico estivo, andata e ritorno, tra Maratea e Matera, che ha allargato la platea dei graditi ospiti.

Questa Ź la Maratea che Francesco Saverio Nitti elesse a suo domicilio estivo, e dal 1922 al novembre 1923, prima dell’esilio volontario, per sfuggire alle persecuzioni fasciste. La sua Villa attira subito lo sguardo di chi va per mare per la sua armonia architettonica in stile Liberty. Nitti, noto agli uomini di cultura, non lo Ź alla maggior parte degli Italiani; per questo, l’UPEL organizzė per l’anno scolastico 2020-2021 il Certamen “Francesco Saverio Nitti”, a periodicitą annuale, allo scopo di far conoscere alle giovani generazioni la Storia di Nitti, del periodo in cui Egli visse, ed il suo pensiero. Era stato programmato il coinvolgimento degli Allievi degli Istituti scolastici Superiori della Basilicata, e dei rispettivi Dirigenti e Docenti, senza limitare tale progetto ai soli confini regionali. La pandemia da Covid-19 bloccė tale iniziativa, la cui realizzazione si auspica che la Fondazione Nitti, in futuro, avochi a se stessa.    

Nitti, eletto deputato in Basilicata, pur con il pensiero proiettato in Europa, ha dimostrato sempre il suo legame con la terra natia, come evidenziato dalla competenza e dall’eloquio del prof. Mascilli Migliorini, oltre che di Giuseppe Galasso e Fabrizio Barca, in edizioni precedenti. Giorgio Amendola in “Una scelta di vita”, scriveva: “…a casa Nitti sembrava di essere in un altro mondo. Gią, materialmente, nella casa di Acquafredda, lo studio, con la biblioteca di Nitti, occupava la sala piĚ importante. Ogni giorno la posta recava i giornali di Parigi, di Londra e di Francoforte. Nitti era allora impegnato a scrivere i suoi volumi di critica del trattato di Versailles”, e la famosa Trilogia sull’Europa.

In considerazione di tale patrimonio culturale e naturalistico, Ź auspicabile che, anche nel nome di Nitti, si raggiunga una sinergia tra Istituzioni, Fondazioni, Associazioni, e si proceda a candidare Maratea al riconoscimento di Bene dell’UNESCO, come da giusta intuizione di Franco Sisinni, gią Direttore Generale dei Beni Ambientali, Artistici e Storici. E’ un atto dovuto al grande uomo di Stato, Nitti, e al popolo lucano.

 

                                                                             *Dirigenza UPEL Maratea Trecchina

Maratea 20 giugno 2021    

 

 

INDIETRO